Camera dei deputati

Vai al contenuto

Sezione di navigazione

Menu di ausilio alla navigazione

Cerca nel sito

MENU DI NAVIGAZIONE PRINCIPALE

Vai al contenuto

Per visualizzare il contenuto multimediale è necessario installare il Flash Player Adobe e abilitare il javascript

INIZIO CONTENUTO

Strumento di esplorazione della sezione Documenti Digitando almeno un carattere nel campo si ottengono uno o più risultati con relativo collegamento, il tempo di risposta dipende dal numero dei risultati trovati e dal processore e navigatore in uso.

salta l'esplora

Temi dell'attività Parlamentare

Sicurezza - Profili penali
Con specifici provvedimenti d'urgenza sono state introdotte disposizioni di natura penale in materia di sicurezza; da ultimo, il decreto-legge 187/2010 è intervenuto in materia di sicurezza negli stadi. Un pacchetto di interventi finalizzati al decoro delle città e al contrasto dell'illegalità diffusa è inoltre contenuto nella legge in materia di sicurezza pubblica. La legge 120/2010 reca infine disposizioni in materia di sicurezza stradale.
Violenza negli stadi

Il decreto-legge 187/2010 (convertito dalla legge 217/2010) contiene specifiche misure, anche di natura penale, per rafforzare la sicurezza degli impianti sportivi.

Il provvedimento, in particolare, interviene in materia di reati commessi in occasione o a causa di manifestazioni sportive:

  • ripristinando fino al 30 giugno 2013 l'istituto della "flagranza differita" (da cui deriva che se non è possibile procedere immediatamente all'arresto per ragioni di sicurezza o incolumità pubblica, si considera comunque in stato di flagranza colui il quale, sulla base di documentazione video fotografica del fatto, ne risulta autore, purché l'arresto sia compiuto entro le 48 ore dal fatto);
  • prevedendo l'applicazione di misure cautelari coercitive anche in deroga ai presupposti generali.

Inoltre, a fronte del consistente aumento nell'anno in corso di lesioni riportate a seguito di aggressioni da parte delle tifoserie violente da parte del personale addetto ai controlli dei luoghi ove si svolgono manifestazioni sportive (cd. steward), il decreto-legge estende anche a tale personale alcune disposizioni già applicabili a tutela dei pubblici ufficiali che svolgono servizi di ordine pubblico in occasione di manifestazioni sportive e, in particolare, l'aggravante del fatto commesso mediante il lancio o l'utilizzo di corpi contundenti o altri oggetti atti ad offendere.

Illegalità diffusa ed allarme sociale

Una serie di disposizioni, contenute nella legge 94/2009, in materia di sicurezza pubblica, persegue finalità di decoro delle città e di contrasto dell’illegalità diffusa.

In particolare:

  • sono introdotte specifiche disposizioni di natura penale volte a reprimere il fenomeno dei “writers”, ovvero degli autori di murales e scritte su muri di edifici pubblici e privati, su autobus, treni ed, in generale, su beni mobili ed immobili altrui;
  • si impone ai comuni di prevedere rilevanti sanzioni pecuniarie per chi sporca le pubbliche vie e per chi getta rifiuti o oggetti da auto in sosta o in movimento
  • si prevede un minimo di pena per la violazione di domicilio nonché l’arresto facoltativo in flagranza;
  • si introducono nuove specifiche aggravanti del furto, della rapina e della truffa.

Il provvedimento prevede inoltre norme a tutela delle persone più deboli: minori (contrasto della prostituzione minorile, dell’impiego di minori nell’accattonaggio, della sottrazione di minore, ecc.); anziani (aggravante per il reo che si approfitta della vittima per la sua età); disabili (con specifico riferimento ai delitti contro il patrimonio).

Per l’introduzione del reato di “stalking”, le misure contro la violenza sessuale (decreto-legge 11/2009) e gli altri interventi in materia, si veda il tema Contrasto all'omofobia e reati a sfondo sessuale.

Alcune disposizioni della legge 99/2009 (c.d. collegato in materia di energia) mirano inoltre a rafforzare gli strumenti di contrasto della contraffazione (vedi il tema Tutela della proprietà industriale).

Il contrasto dell'immigrazione illegale

Le questioni relative all’immigrazione, ed in particolare il contrasto all’immigrazione clandestina e ai reati connessi, sono argomento di dibattito dall’inizio della legislatura.

Con specifico riferimento ai profili penali, il decreto-legge 92/2008 inasprisce il regime sanzionatorio per violazioni connesse con l’immigrazione e contempla nuove fattispecie di reato. Tra l’altro:

  • con disposizione, successivamente dichiarata incostituzionale (Corte cost. n. 249 del 2010), si introduce una nuova circostanza aggravante da cui deriva l’aumento della pena se il reato è commesso da un immigrato irregolare;
  • si attribuisce priorità assoluta nella formazione dei ruoli di udienza ai procedimenti per delitti commessi in violazione delle norme sull’immigrazione;
  • si sanziona come reato il favoreggiamento della permanenza di immigrati clandestini a scopo di lucro;
  • si introduce il reato di cessione a titolo oneroso ad uno straniero irregolarmente soggiornante, di un immobile di cui si abbia la disponibilità;
  • sono inasprite le sanzioni per il datore di lavoro che occupa lavoratori stranieri privi del permesso di soggiorno o il cui permesso sia scaduto e non ne sia stato chiesto, nei termini di legge, il rinnovo.

La legge in materia di sicurezza (legge 94/2009), proseguendo in questa direzione, prevede la nuova fattispecie di reato dell’ingresso e soggiorno illegale, punita come contravvenzione e attribuita alla competenza del giudice di pace.

Inoltre, sono aumentate le pene per la mancata ottemperanza all’ordine di esibizione del passaporto (o di altro documento di identificazione) e del permesso di soggiorno e viene ridefinita la disciplina del favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Per le modifiche in materia di espulsione dello straniero e, più in generale, sul tema dell’immigrazione, vedi Immigrazione clandestina.

Sicurezza stradale

Anche per l’attualità e la frequenza del fenomeno, di particolare rilievo appaiono le disposizioni del D.L. 92/2008, volte ad un generale inasprimento delle pene per l’omicidio colposo e le lesioni personali colpose conseguenza di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe.

Sulla materia (sulla quale più in generale, vedi Sicurezza stradale) è successivamente intervenuta anche la legge in materia di sicurezza pubblica, che in particolare ha previsto l’aggravante della guida notturna per i reati di guida sotto l’influenza di alcool e di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

E' stata da ultimo definitivamente approvata la legge in materia di sicurezza stradale (legge 120/2010) che inasprisce ulteriormente le sanzioni previste dal Codice della strada per guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti. Di particolare rilievo le nuove, più restrittive disposizioni sul tasso alcolemico dei conducenti con età inferiore a 21 anni e per chi esercita professionalmente l'attività di trasporto di persone o di cose; per non incorrere in alcuna sanzione il tasso alcolemico di tali soggetti dovrà essere pari a zero.

Il divieto di indossare indumenti che coprono il volto

E' in corso presso l'Assemblea della Camera l'esame del testo unificato di diverse proposte di legge di iniziativa parlamentare, che modifica il cd. reato di travisamento. Si prevede espressamente il divieto di utilizzo degli indumenti femminili in uso presso le donne di religione islamica denominati burqa e niqab, sanzionato con una pena dell'ammenda da 1.000 a 2.000 euro. Inoltre, si propone l'introduzione del reato di costrizione all'occultamento del volto, la cui condanna in via definitiva preclude l'acquisto della cittadinanza (A.C. 627-A).
Nell'ambito dell'esame in sede referente, la Commissione Affari costituzionali ha svolto di un'indagine conoscitiva.

Il 14 settembre 2010 è stata approvata in Francia una legge che vieta che vieta l'occultamento del volto nei luoghi pubblici. La questione del velo è stata a lungo oggetto di esame da parte dell'Assemblea nazionale francese, che ha istituito una Commissione parlamentare d'indagine (Mission d'information sur la pratique du port du voile intégral sur le territoire national). Il 26 gennaio 2010 la Commissione ha presentato al Parlamento un rapporto e una proposta di risoluzione.